Dopo una lunghissima trattativa al vertice europeo è stato raggiunto un accordo che sconfigge la linea dei sovranisti e dei Paesi “frugali” approvando un piano da 750 miliardi, di cui 390 di sussidi, dei quali 209 andranno all’Italia.
“Abbiamo conseguito questo risultato tutelando la dignità del nostro Paese e l’autonomia delle istituzioni comunitarie”, ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa. “Il governo italiano è forte: la verità è che l’approvazione di questo piano rafforza l’azione del governo italiano. Ora avremo una grande responsabilità: con 209 miliardi abbiamo la possibilità di far ripartire l’Italia con forza e cambiare volto al Paese. Ora dobbiamo correre”.
“L’Europa ha vinto, l’Italia ha vinto. Il risultato uscito stanotte al Consiglio Europeo è a suo modo storico, entrerà nei libri di storia. Complimenti al governo, complimenti al Presidente del Consiglio. Di fronte ad una crisi eccezionale, l’Europa ha deciso un intervento eccezionale. Ora comincia un’altra partita. Con 209 miliardi, l’Italia può davvero mettere mano alle sue ‘storture’”, ha commentato Andrea Marcucci.
“Tra i 27 siamo il Paese che beneficerà della maggiore attribuzione di risorse. E’ un risultato importante, dovuto alla fermezza e determinazione con cui il presidente Conte e il ministro Amendola hanno condotto il negoziato, difendendo con efficacia le posizioni sostenute dal nostro Paese” ha aggiunto Antonio Misiani.
L’Erogazione dei fondi è basata su un progetto di riforma, in particolare transizione Green, digitale, riforma giustizia e pubblica amministrazione, sanità, supporto alle marginalità sociali. Anche questo è un elemento fondamentale: si affronta l’emergenza di oggi e si rilancia strutturalmente il paese in uno sviluppo sostenibile, per la qualità della vita e per nuovi posti di lavoro”, scrive su Facebook Andrea Ferrazzi.
“Dopo 4 notti di negoziati, l’Italia ce l’ha fatta! Superati i veti. Dal #NextGenerationEU arriveranno 209 miliardi, più della proposta iniziale. Ora al lavoro per spenderli bene: servono progetti sostenibili per far ripartire il Paese!”. E’ il commento di Alessandro Alfieri.
“Accordo storico sul #RecoveryFund con l’emissione di debito comune per affrontare crisi pandemia. Portiamo a casa 209 mld per investimenti e crescita. Grazie alla competenza e tenacia di @GiuseppeConteIT e @amendolaenzo. Oggi l’Italia è l’Europa sono più forti”. Così su Twitter Simona Malpezzi, senatrice Pd e sottosegretaria ai Rapporti con il Parlamento.
“L’Europa c’è, ma i soldi del RecoveryFund non vengono da Marte, arrivano dal futuro. Vanno spesi con responsabilità e consapevolezza: lavoro, non assistenzialismo; occupazione di giovani e donne, non aziende decotte. Meno task force, più coraggio. Non ci sarà una seconda volta”. Lo scrive su twitter il senatore Pd Tommaso Nannicini.


Ferrazzi: Cosa ci guadagna l'Italia
Misiani: Grande opportunità per Italia
Marcucci: Ora riforme serie
Alfieri: L’Italia ce l’ha fatta! Ora progetti per far ripartire il Paese
Nannicini: Ora spendere bene, lavoro non assistenzialismo
Malpezzi: Oggi Italia e Europa sono più forti
Cirinnà: Vince l'Europa dei diritti
Marcucci a Salvini: Non l'hai presa benissimo
Rampi: In Italia c’è chi dell’accordo europeo lamenta che includa il rispetto dei diritti
Mirabelli: Salvini ridicolo, trasforma successo Italia in complotto contro di lui
Pittella: Bene caparbietà Italia e risposta Europa, ora fare in fretta
Marcucci ad Affari Italiani: Collaborazione istituzionale nel nome di Ursula
Rossomando: Italia, protagonista, ora rilanciare Paese
Fedeli: Europa ha dimostrato di esserci, di nuovo e finalmente
Pittella: “Un accordo cruciale, il fallimento dell’UE sarebbe stato un disastro”
Ferrazzi: l’unico modo per non gettare i soldi è progettare il nostro futuro