Storica decisione della Corte Costituzionale che ha decretato che è lecito l’aiuto al suicidio nei casi come quelli del Dj Fabo. La Corte Costituzionale ha ritenuto non punibile ai sensi dell’articolo 580 del codice penale, a determinate condizioni, “chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli“.

In attesa di un “indispensabile intervento del legislatore“, la Corte Costituzionale ha inoltre “subordinato la non punibilità al rispetto delle modalità previste dalla normativa sul consenso informato, sulle cure palliative e sulla sedazione profonda continua (articoli 1 e 2 della legge 219/2017) e alla verifica sia delle condizioni richieste che delle modalità di esecuzione da parte di una struttura pubblica del Ssn, sentito il parere del comitato etico territorialmente competente“.

La Consulta fa chiarezza, ora il Parlamento deve fare presto – ha commentato Andrea Marcucci, presidente dei senatori Pd – La sedazione palliativa profonda è l’unica sintesi possibile in questa legislatura. Il disegno di legge che presentai a novembre scorso insieme a Maria Antonietta Farina Coscioni e firmato da un gruppo di senatori del Pd, risponde alla sentenza della Corte Costituzionale e può trovare una maggioranza di parlamentari disposti a votarlo. L’importante è che non si perda altro tempo”.

Oggi è stato inoltre presentato un ddl della sen. Cirinnà e firmato da senatori di Pd, Leu, Psi e M5S che punta a regolamentare il suicidio assistito e che va ad aggiungersi a quelli già depositati in Parlamento, tra i quali quello a prima firma Marcucci.

Cirinnà: "Il Parlamento deve trovare il coraggio. Sono fiduciosa"
Marcucci: Presidenti Camere incardino legge, bisogna fare presto
Marcucci: Consulta fa chiarezza, ora Parlamento faccia in fretta
Fedeli: Ora la politica faccia la sua parte
Malpezzi: Sentenza importante. Mio impegno per facilitare iter parlamentare
Pittella: Consulta scrive pagina di civiltà nell'afonia del Parlamento italiano