Marcucci: “Il Pd non partecipa al voto di fiducia, giorno di vergogna per il governo”

E cita Guccini, ‘tenetevi le ghiande, noi ci teniamo le ali’

“Il Partito democratico non può accettare questo iter contro tutte le regole. Non possiamo dare il nostro voto, passare sotto quei banchi… Rinunciamo all’espressione del nostro voto”. Lo ha detto il presidente dei senatori del Pd Andrea Marcucci, annunciando che il suo gruppo non parteciperà al voto a palazzo Madama sulla fiducia. Rinnovando la sua protesta per le modalità con cui è arrivata la manovra a palazzo Madama, Marcucci ha detto agli esponenti del governo che “la vergogna dovrebbe coprire il vostro volto in una serata così triste della nostra storia”. “Voi tenetevi le vostre ghiande, noi ci teniamo le ali” ha detto, citando “Cirano” di Francesco Guccini.

Marcucci: Solleveremo ricorso alla Corte costituzionale per gravissime violazioni art. 72, governo violento
Malpezzi: Il Governo M5s-Lega taglia 4 mld all'istruzione pubblica
Iori: Governo taglia oltre 1 mld al sostegno scolastico
Mirabelli: Avete l'idea che chi vince comanda non governa
Renzi: Segna la fine del tempo dei populisti. La realta' presenta il conto su reddito, pensioni e fisco
Patriarca a Pillon: Avete sottratto risorse alle famiglie
Bellanova: Risultato disastroso. Mezzogiorno depredato di risorse fondamentali
Ferrazzi: Passi indietro per ambiente e territorio
Garavini: Bloccata l’assunzione di nuovo personale per l’Agenzia dei Beni confiscati alle mafie
Pittella: Ciò che è successo al Senato e alla Camera in queste settimane è allucinante
Astorre: Salvini vergogna, mette ganasce a pensioni a Forze Polizia
Magorno: Sud tradito, avete creato un pericolo per il nostro Paese
Sbrollini: Parlamento umiliato, altro che trasparenza
Verducci: M5S e Lega massacrano diritto allo studio
Malpezzi: Giornate amare, le istituzioni vanno difese con il corpo
Renzi: Volontari pagano di più, furbetti meno. E' mondo a rovescia
Marcucci: Ricorso alla Consulta pronto domani
Cirinnà a Di Maio, riconosce che su Ires Pd aveva ragione
Misiani: E' il governo dei dietrofront