Il sottosegretario alle Pari opportunità Vincenzo Spadafora in un’intervista ha stigmatizzato gli attacchi verbali sessisti di Salvini, scatenando le ire del vicepremier che lo ha invitato a dimettersi. Risultato: Spadafora ha fatto marcia indietro e ha annullato la prevista conferenza stampa sui centri antiviolenza.
Nessuna polemica o gioco delle parti sulla pelle delle donne, si cerchi visibilità altrove – ha commentato la vicepresidente del gruppo Pd Valeria ValenteIl sottosegretario Spadafora dovrebbe evitare di ingaggiare una strumentale battaglia politica sul contrasto alla violenza di genere con il suo stesso governo e pensare solo ad attuare più velocemente il piano antiviolenza, sostanzialmente bloccato da oltre un anno“.
La verità è che tutti gli esponenti M5S sono schiacciati volutamente sull’alleato leghista. Quindi è inutile che, per guadagnare qualche titolo sui giornali, qualcuno, come il sottosegretario Spadafora, faccia finta di prenderne le distanze. Se c’è davvero qualcosa che non va rompano questo matrimonio nel quale non sembra, però, che stiano tanto scomodi, visto che ogni giorno fanno scaramucce e poi continuano a stare insieme al governo”, aggiunge Monica Cirinnà, relatrice di minoranza al provvedimento sul codice rosso.

Valente: E' vero che Salvini ha cancellato la conferenza stampa sul piano antiviolenza?
Cirinnà: Da Spadafora solo chiacchiere, poi governa con la Lega
Fedeli: Parole Spadafora pura demagogia
Ginetti: Spadafora attui piano antiviolenza
Sbrollini: Finiamola di giocare sulla pelle delle donne. Polemiche altro non sono che un gioco delle parti