L’Italia è ferma e resta il fanalino di coda dell’Europa. Lo certificano i dati della Commissione Ue che dicono che il nostro Paese nel 2019 crescerà di un misero 0,1%, mentre nel 2020 è previsto un + 0,7% (quando a confronto, invece, la Germania registrerà un +1,4%). La tanto promessa inversione di tendenza sbandierata dal governo non c’è stata e non ci sarà. A guidare la classifica ci sono Malta (+5,3%), Ungheria e Polonia (+4,4%) e Irlanda (+4%).

Il presunto premier Conte-sottolinea il capogruppo- invece si diverte a prendere in giro gli italiani dicendo che ‘i dati mostrano l’efficacia delle politiche del governo’. La verità è che siamo dentro ad un grande casino, un casino che ogni singolo italiano inizierà a pagare di tasca proprio: l’Italia è congelata”, commenta il presidente dei senatori Pd, Andrea Marcucci.


Marcucci: Italia congelata, Salvini e Di Maio non se ne occupano
Misiani: Conte esulta, ma Italia è ultima