Il presidente del Consiglio era atteso in Senato per riferire sulla vicenda che vede coinvolti Salvini e la Lega in rapporti da chiarire con la Russia. Nel suo intervento non ha però risposto ad alcuno degli interrogativi che gravano sulle notizie fino ad ora emerse.
Una difesa, per di più solitaria: Conte è infatti stato lasciato solo dal suo stesso governo e maggioranza.
Vuoti i banchi dell’esecutivo, vuoti i banchi di M5S.
Conte è stato evasivo perché ha evitato di rispondere alle quattro questioni che pesano come macigni e che aleggiano attorno a questo scandalo che Salvini chiama fantasie – ha detto Dario Parrini intervenendo in Aula – Il ministro Salvini è in fuga dalle spiegazioni sui 49 milioni, in fuga dall’antimafia, dai processi, dalle nostre interrogazioni E’ il ministro della fuga e del tradimento delle istituzioni”.

Il Pd ha, quindi, presentato una mozione di sfiducia individuale a Salvini per richiamare il ministro dell’Interno alle proprie responsabilità e alla verità di fronte all’Italia

Marcucci: Pd deposita mozione di sfiducia a Salvini
Parrini: Salvini è il ministro della fuga e del tradimento
Mirabelli: Mozione sfiducia come minacce Casamonica? Salvini vergognoso
Malpezzi: Banchi vuoti tra i Cinquestelle al Senato mentre parla Conte
Valente: Senatori M5S lasciano poltrone solo per tempo diretta tv
Senatori Pd: Conte parla ma i senatori M5S escono. Sfiducia o sceneggiata? Sono alla frutta
Sbrollini: Conte senza maggioranza garantisce per un ministro in fuga?
Comincini: Conte inizia a parlare e senatori M5S lasciano l'Aula
Bellanova: Conte derubricato a ruolo di spalla
D'Alfonso: Conte niente doveva dire e niente ha detto
Parrini: Casellati non sia complice
Mozione di sfiducia individuale al ministro dell'Interno