Dopo due ore di discussione in Consiglio dei Ministri il premier Conte ha revocato il sottosegretario Armando Siri. Lo scontro tra M5S e Lega c’è stato, ma non si è proceduto a una votazione che avrebbe reso palese la spaccatura nel governo. Ora la proposta di revoca passa sulla scrivania del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che dovrà emanare un decreto per renderla affettiva.

Marcucci: Presunzione innocenza non vale solo per Lega e 5 Stelle
Mirabelli: M5S per coerenza, dopo Siri, blocchino ‘Sblocca cantieri’
D'Alfonso: Il CdM è diventato un ring. Parlano di Flat tax per evitare di affrontare le pericolose conseguenze del caso Siri