ANSA/ANGELO CARCONI

Il nuovo governo Conte ha incassato la prima fiducia alla Camera con 343 sì (263 i voti contrari).
Il presidente del Consiglio Conte nel suo discorso ha illustrato il programma del governo indicando, tra le priorità, una manovra per la crescita e per uno sviluppo sostenibile con una particolare attenzione al lavoro, giovani, donne e Sud. Tra le prime misure che verranno adottate c’è quella sugli asili nido con la cancellazione totale della retta a partire dal 2020-2021.
Sul tema delle riforme costituzionali, accanto alla riduzione del numero dei parlamentari, “occorrerà avviare un percorso di riforma, quanto più possibile condiviso in sede parlamentare, del sistema elettorale. Contestualmente – ha proseguito il premier – è nostro obiettivo procedere a una riforma dei requisiti di elettorato attivo e passivo per l’elezione del Senato e della Camera, nonché avviare una revisione costituzionale volta a introdurre istituti che assicurino più equilibrio al sistema e contribuiscano a riavvicinare i cittadini alle istituzioni“.
Sul decreto sicurezza ha detto: “Rivedremo la disciplina in materia di sicurezza alla luce delle osservazioni critiche formulate dal Presidente della Repubblica, il che significa recuperare, nella sostanza, la formulazione originaria del più recente decreto legge, prima che intervenissero le integrazioni che, in sede di conversione, ne hanno compromesso l’equilibrio complessivo“. Ricordando che bisogna “gestire la migrazione con rigore e responsabilità, con un approccio non più emergenziale, ma strutturale, in solidarietà con l’Ue istituendo corridoi umanitari europei.
Ha poi riconosciuto alle forze politiche “che hanno dichiarato la propria disponibilità a sostenere questo governo che hanno dato prova di coraggio. Hanno messo da parte i “pre-giudizi”, che come riconosceva Hanna Arendt, esistono in politica, sono in parte ineliminabili e sono un pezzo del nostro passato. Oggi hanno accettato di affidarsi ai giudizi e si impegnano a sollecitare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni“.
E esprimendo solidarietà alle ministre Teresa Bellanova e Paola De Micheli per gli attacchi sessisti di questi giorni ha concluso ricordando che “Questo e’ il momento del coraggio e della determinazione. Il coraggio di disegnare un Paese migliore. La determinazione di perseguire questo obiettivo, senza lasciarsi frenare dagli ostacoli


Marcucci: In Senato resteremo vigili e combattivi
Iori: Bene governo, parte con il piede giusto
Misiani: Molto bene Conte, ci sono condizioni per lavoro positivo
Valente: Parità salariale apre stagione di svolta per diritti donne
Stefàno: Non hanno rispetto per storia e non conoscono Costituzione
Magorno: Nessun dubbio sulla fiducia