Mentre dal governo arrivano solo parole, il Pd ha presentato in Senato il ddl sulla giusta retribuzione e la rappresentanza sindacale, a prima firma Tommaso Nannicini,  per dare dignità al lavoro e ai lavoratori.

“La nostra proposta aggredisce finalmente questo grande tema del lavoro povero ma, come chiedono le associazioni sindacali, difende la contrattazione collettiva. Salario è solo la parte economica, ma nel contratto collettivo c’è la parte economica ma poi ci sono anche altre forme di diritti. Quindi è proprio un modo per sottolineare come questo tema vada aggredito ma nel modo giusto“. Ha spiegato il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci ha sottolineato come “il salario minimo è sparito dall’agenda del Parlamento, dal calendario dell’assemblea e della commissione, altro che risolto prima delle elezioni! Questo perché sul tema le divisioni M5S-Lega e le bugie di Di Maio verrebbero a galla“.

Per noi il salario minimo – ha aggiunto Tommaso Nannicinisi deve accompagnare a un rafforzamento della contrattazione collettiva altrimenti il progetto dei 5 stelle rischia di produrre una fuga dai contratti nazionali e diventa un salario minimo per tutti perche’ con la fuga dalle tutele avremo appunto un salario piu’ basso per tutti“.

Il capogruppo Pd in commissione Lavoro, Edoardo Patriarca, ha inoltre spiegato  quali sono i cardini del ddl: “Dialogo sociale, rispetto delle autonomie, contrattazione collettiva che va rafforzata, ridefinizione della rappresentanza, introduzione del salario minimo laddove necessario“. Mentre Marco Laus ha ricordato come “il ministro Di Maio dica il falso quando parla di 9 euro come retribuzione oraria“. Annamaria Parente ha infine chiarito che “i lavori poveri non dipendono solo dalla paga oraria ma anche dalla diminuzione delle ore lavorate e dai part-time obbligatori soprattutto per le donne“.

Patriarca: M5S non sanno di cosa parlano, per noi importanti parti sociali e contrattazione collettiva
Parente: Pd è per più diritti, M5S spara cifre
Nannicini: Di Maio non farà il salario minimo ma salari al minimo per tutti
Fedeli: Contrattazione e rappresentanza punti cardine della proposta Pd
Misiani: Su nostra proposta ok parti sociali, proposta M5S peggiora condizione lavoratori. Glielo spiegheremo anche con i disegnini se serve...