“La seduta di oggi in Senato sulla Tav sancisce la morte politica del M5S. Più che per il Tap, l’Ilva di Taranto, Atlantia, perfino più dell’accordo di governo con la Lega e di tutte le questioni in cui si sono esibiti in piroette e salti mortali carpiati, la Tav è quella che suscita maggiore stupore. Ha rappresentato la carta d’identità di questo movimento politico, la spina dorsale, l’essenza. Arretrano senza onore pure su quella. Il Senato viene trasformato in un ring del Wrestling, in cui gli viene concesso di fingere di lottare. Il finale lo conoscono già, ma vengono pagati anche per perdere, come dei veri “professionisti”. Oggi smettono ufficialmente di saltellare, di salire sui tetti del Parlamento, di agitarsi. Smettono di essere ‘Movimento’ e decidono di sacrificare tutto, pur di stare immobili, comodamente incollati con il sedere sulle poltrone”. Lo afferma su Facebook il senatore del Pd Davide Faraone.


Ne Parlano